Ti trovi in: Archivi / Rivista Museo&Storia
MUSEO&STORIA n. 4 - 2002
Redazionale

Con questo numero della rivista si chiude il primo ciclo di attività del Museo storico della città di Bergamo e della rivista stessa. Sono stati gli anni della rinascita del Museo, chiuso dal 1978, e del suo ripensamento, sia nelle scelte culturali sia in quelle gestionali. Questa rivista, che ha il merito di non avere ‘magazzino’, ha dato voce alle riflessioni su tutti gli argomenti che venivano dibattuti all’interno del Museo e tra quest’ultimo e la comunità dei musei, con particolare riferimento alla rete dei musei storici della Lombardia. Sia nella rubrica dei saggi, ma forse ancor più in quella relativa agli strumenti e alla didattica, la novità degli approcci e dei contenuti ha generato un dibattito che speriamo sia stato utile a chi lavora nei musei e a coloro che a livello politico devono prendere decisioni sul futuro dei musei.
Anche in questo numero, ad esempio, gli articoli di Silvia Mascheroni e Maria Angela Donna e quello di Adriana Bortolotti non potranno certo mancare di suscitare un ampio dibattito, in quanto le autrici pongono ai musei un problema centrale: la didattica e la necessità delle attività educative connesse sono ormai entrate nella cultura di ogni museo (o comunque della loro maggioranza), ma troppo spesso sono ancora viste come ‘servizio accessorio’, non degne di valutazione e di analisi; si compilano i questionari di customer satisfaction, si certificano i bilanci, ma la valutazione delle attività educative e, in particolare, il rapporto scuola-museo rimangono troppo spesso ancora impregnati di un certo dilettantismo.
Gualtiero Beolchi, del Centro servizi amministrativi di Bergamo (ex Ufficio scolastico provinciale) riporta l’esperienza di lavoro e studio a Bruxelles nell’ambito del progetto “Schools and museums”, che vede il Museo come soggetto attivo.
Di grande interesse è la presentazione del lavoro realizzato da Paolo Oscar sui catasti otto-novecenteschi della città di Bergamo: un sistema geografico informativo realizzato grazie ai finanziamenti della Regione Lombardia, che troverà rappresentazione anche nel nuovo allestimento museale.
Nella sezione dedicata ai saggi e alle ricerche, i lavori di Annita Garibaldi e Sara Santinello propongono temi oggetto di conferenze organizzate dal nostro museo.
Infine, l’articolo sul progetto espositivo del futuro Museo storico di Bergamo intende porre al centro del dibattito il percorso espositivo: abbiamo così voluto esplicitare alcune scelte, proporre soluzioni, individuare un metodo possibile. Non sappiamo oggi se il futuro del Museo sarà proprio quello, dipenderà da tanti fattori, compresi alcuni oggi non perfettamente ponderabili come il problema degli spazi e dei restauri degli edifici. Ma soprattutto sarà connesso alla capacità del Museo di vivere il rapporto con le altre istituzioni culturali della città e della provincia e quindi di valutare i suggerimenti, le interconnessioni, le opportunità.

Saggi e ricerche

Giuseppe e Anita Garibaldi: la loro discendenza
Annita Garibaldi Jallet

La democrazia radicale a Milano (1882-1892)
Sara Santinello

Un sistema informativo per la gestione dei dati di censimento del catasto storico di Bergamo: Catasto Lombardo-Veneto (1853) e Nuovo catasto terreni (1901)
Paolo Oscar

Discussione

Il progetto espositivo del nuovo Museo storico della citta’, sezione 1797-1945
Mauro Gelfi

Didattica ed educazione

“Schools and museums: an education in heritage 2”: un seminario per progettare in Europa
Gualtiero Beolchi

“Valutare per dare valore alle cose”. Dalla progettazione alla verifica di azioni educative in partenariato scuola-museo
Silvia Mascheroni - Angela Donna

Riflessioni sui laboratori educativi in ambito museale
Adriana Bortolotti

Strumenti

Francesco Nullo nell’archivio del Museo storico: i documenti
Adriana Bortolotti

In museo

Donazioni
Pubblicazioni

Istituto per la storia del Risorgimento italiano
Associazione degli Amici del Museo storico
Gruppo didattico culturale del Museo storico
Quidlife.it